Kaomoji: Le stupefacenti Emoticons Giapponesi

Tutti conosciamo le Emoticon, ovvero le faccine che utilizziamo negli SMS, su Whatsapp, e ovunque su Internet, per esprimere le nostre emozioni, ma non tutti sanno che In Giappone c’è una diversa modalità di rappresentare una faccina felice, triste, arrabbiata, ecc.

Il motivo è che i giapponesi, oltre ad utilizzare i normali segni di punteggiatura, inseriscono anche segni del loro alfabeto, trasformando in questo modo l’emoticon in un potentissimo mezzo espressivo. Emozioni, parole e pensieri vengono espressi in maniera più creativa.

In Giappone le emoticon vengono chiamate Kaomoji (Kao = faccia, moji = carattere), e ne esistono delle più svariate. Ecco qualche simbolo:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

cct2k utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione oppure scorrendo la pagina accetti la nostra cookie policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi