Lo strano caso dell’epidemia di ballo del 1518.

Nel luglio del 1518 a Strasburgo scoppiò  una strana epidemia di danza collettiva, soprannominata la “piaga del ballo”,  in cui centinaia di cittadini di Strasburgo (allora una città libera all’interno del Sacro Romano Impero, ora in Francia) danzarono incontrollabilmente e apparentemente controvoglia per giorni e giorni; l’epidemia durò circa due mesi prima di finire misteriosamente com’era cominciata.

Tutto cominciò il 14 luglio del 1518, quando una donna, a cui fu dato il nome di Frau Troffea (o Trauffea), uscì in strada e cominciò a ballare sotto il sole cocente, nell’aria non si udiva nessuna musica. Sembrava incapace di fermarsi e continuò a ballare, incurante della fatica, del sudore che impregnava i vestiti e delle ferite ai piedi, finché non crollò a terra esausta. Ma dopo il riposo, riprese l’attività frenetica compulsiva. Continuò in questo modo per giorni, e in una settimana più di 30 persone furono afflitte allo stesso modo, ballando senza sosta per le strade di Strasburgo. Alla fine di agosto circa 400 persone riempirono le strade della città ballando in massa in uno stato di trance, finché decine di partecipanti
finirono per morire di stenti, ictus e attacchi di cuore.

Le autorità cittadine, allarmate dal numero sempre crescente di  questi folli danzatori, nonostante i tentativi di fermarli e permettergli di mangiare, bere e riposare, avevano teorizzato che per mettere fine alla “febbre del ballo”, la soluzione era farli danzare ancora di più, così vennero approntati dei palchi di legno nelle piazze principali della città, ingaggiarono musicisti con flauti e tamburi per accompagnare la danza e ballerini professionisti per aiutare gli afflitti a continuare la danza. Ciò ebbe solo esacerbato il contagio, e ben 400 persone furono infine consumate dall’impulso della danza. All’inizio di settembre questa isteria collettiva cominciò a diminuire. La gente iniziò a disperdersi e le persone oramai in fin di vita furono portate in un santuario di guarigione,

Non è stata la prima epidemia di danza compulsiva in Europa. Il caso del 1518 è semplicemente meglio documentato rispetto ai suoi predecessori e probabilmente l’ultimo di molti episodi simili in Europa, che si svolsero in gran parte tra il X e il XVI secolo. Il meglio conosciuto di questi avvenne nel 1374; quell’eruzione si diffuse in diverse città lungo il fiume Reno.

Spiegazioni contemporanee della “follia del ballo” includono possessione demoniaca e il surriscaldamento del sangue nel cervello. Gli investigatori del XX secolo ipotizzarono che gli afflitti avessero  consumato del pane ricavato dalla farina di segale contaminata dalla malattia fungina dell’ergot (Claviceps purpurea), un fungo psicotropico che cresce sui gambi di segale e può provocare allucinazioni violente simili a quelle dell’LSD.  Il sociologo americano Robert Bartholomew ipotizzò che i ballerini fossero seguaci di sette eretiche, danzando per attirare il favore divino. La teoria più accettata fu quella dello storico medico americano John Waller, che espose in diversi articoli le sue ragioni per credere che l’epidemia del ballo fosse una forma di disturbo psicogenico di massa. Tali epidemie avvengono in circostanze di estremo stress e generalmente prendono forma in base alle paure locali. Nel caso della peste danzante del 1518, Waller citò una serie di carestie e la presenza di tali malattie come il vaiolo e la sifilide come gli stressanti travolgenti che colpiscono i residenti di Strasburgo. Egli sostenne inoltre che esisteva la convinzione locale che coloro che non riuscirono a propiziare San Vito, patrono degli epilettici e dei ballerini, sarebbero stati maledetti dall’essere costretti a ballare.

Ancora oggi, mezzo millennio più tardi, serve  a ricordare l’ineffabile stranezza del cervello umano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

cct2k utilizza cookie tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione oppure scorrendo la pagina accetti la nostra cookie policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi